11 settembre 2009

Concerto per l'Africa
Venerdi 11 settembre: il Sindaco e la Giunta del Comune di Sezzadio, alcuni sponsor locali ma soprattutto l'associazione laica "Pola Pola", in collaborazione con i Roccaforte, hanno organizzato un concerto nella piazza centrale del paese. L'entrata è stata libera ma grazie ai CD "Per volontà del Re", messi a disposizione dell'associazione, e alle offerte ricevute si è potuto incrementare il fondo economico per la costruzione di un importantissimo pozzo in un villaggio in Tanzania.
A

Onarati di essere stati invitati, di aver partecipato e di aver contribuito con la nostra musica ad un qualche cosa di concreto. (continua a leggere)


28 maggio 2009

Concerto per l'ABRUZZO
Sabato 23 maggio presso la Chiesa Parrocchiale di Viarigi (AT):
  • Il coro "2000 & 7 note", più di 60 bambini della scuola M. Mazzarello di Asti
  • Il coro Polifonico di Viarigi, Accorneri e Refrancore composto da circa 40 elementi accompagnati dai Roccaforte
  • I Roccaforte (i 5 scapestrati che conoscete tutti) accompagnati dal Coro Polifonico

Dirige il Maestro LAURA BUSSA

Ricavato : 1382,35 euro (da questi verranno prelevati pochissimi euro per le spese e permessi). Un risultato che ha sfondato il tetto delle aspettative. Grazie di cuore alle tantissime persone che hanno partecipato. La chiesa era colma, all'interno e all'esterno (continua a leggere)



03 luglio 2007
Chiunque sia informato su ISTIOCITOSI A CELLULE DI LANGERHANS può mettersi in contatto con la mamma cliccando sul link a sinistra

Sito ufficiale

ATTENZIONE
: Sono la mamma di un bambino di 4 anni affetto da marzo del 2005 da una malattia rara e subdola: l'istiocitosi a cellule di langerhans. Attualmente non esiste una cura, e siamo in fase di ricerca. potete collegarvi al sito www.istiocitosi.org ---ARTICOLO TRATTO DAL SITO AIRI www.istiocitosi.org--- Che cos'è l'istiocitosi? L'istiocitosi delle cellule di Langerhans, conosciuta anche come istiocitosi-x, è una malattia che colpisce principalmente i bambini. Questa malattia è stata descritta per la prima volta nella letteratura medica all'inizio del secolo. Ultimamente ha goduto di maggiore considerazione, sebbene i medici l'abbiano descritta per anni senza riuscire a classificarla correttamente. Nel 1985 si è costituita la Società Internazionale di Istiocitosi (International Histiocyte Society). Grazie all'interessamento di questo gruppo internazionale abbiamo aggiunto ulteriori informazioni alle nostre conoscenze, e questo ha comportato la somministrazione di cure migliori. L'istiocita è un tipo di globulo bianco che si trova in tutto il corpo umano. Ha la funzione di distruggere i corpi estranei e combattere le infezioni, La cellula di Langerhans è uno dei vari tipi di istiociti nel corpo. Per qualche ragione i pazienti che soffrono questo tipo di malattia hanno troppe cellule di Langerhans. Queste cellule si accumulano in alcune parti del corpo e causano problemi. Quali problemi causa? Questa patologia può colpire il paziente in forme differenti: può colpire solamente una parte del corpo. Solitamente la malattia è più grave quando colpisce varie parti del corpo e se il paziente è un bambino. Può colpire: La pelle (eczema, eruzioni cutanee). Le ossa (lesioni o varie). Polmoni fegato, milza (mal funzionamento). I denti e le gengive (gengive ingrossate, perdita di denti). L'udito (infezione cronica). Gli occhi (occhi protuberanti). Il sistema nervoso centrale (sete eccessiva, bisogno di orinare frequentemente con comparsa del diabete insipido). Si possono anche avere sintomi di febbre, debolezza generale e mancanza di crescita di peso negli individui più giovani. Comunque non tutti gli ammalati di istiocitosi risentono dei sintomi sopra menzionati, ed è difficile che il medico assicuri il buon esito della terapia ad ogni paziente. Ogni caso è ben distinto e questa insicurezza presenta grandi frustrazioni tanto per il medico che per la famiglia. Qual è la causa dell'istiocitosi? Non si conosce la causa. Può essere una reazione poco comune del sistema immunitario ad una sostanza dell'ambiente. Il paziente non viene contagiato da altra persona, e non può contagiare nessuno. Non si considera ereditaria. E' cancro? No, sebbene alcuni casi di istiocitosi siano stati curati con trattamenti impiegati contro il cancro. Come conseguenza, ematologi ed oncologi che curano pazienti ammalati di cancro, seguono pure i pazienti affetti da istiocitosi. Si usa la radioterapia, anche se le radiazioni vengono somministrate con dosi più blande rispetto ai malati di tumore. Qual è la terapia? La terapia è individuale. In alcuni casi, la malattia regredisce senza alcun trattamento. In altri si richiede un piccolo intervento chirurgico o dosi blande di radioterapia o di chemioterapia. Si pianifica la terapia dopo una diagnosi completa del paziente per conoscere l'entità dei danni fisici. La meta di un piano di cura è controllare la malattia senza usare metodi invasivi e permettere che il corpo stesso guarisca col tempo. Come si diagnostica la malattia? Ci sono vari esami che si possono fare per determinare l'avanzamento di questa malattia. Questi includono: analisi del sangue, raggi x del torace e delle ossa, TAC. Qualche volta si effettua una biopsia (prelevando una piccola parte di tessuto) del fegato o del midollo osseo. Guarisce il paziente da questa malattia? La maggior parte dei pazienti sopravvivono. Alcuni cominceranno ad avere problemi cronici, mentre altri non avranno sintomi. In alcuni casi la malattia è fatale, di solito quando si tratta di un bambino molto piccolo. In questo caso la loro salute peggiora molto rapidamente e non riescono a rispondere a nessun trattamento. Il malato risponderà al trattamento secondo lo stato di avanzamento della malattia e le conseguenze sugli organi colpiti. Informazioni generali. Altri nomi con cui è conosciuta: Istiocitosi - x Granuloma eosinofilo. Sindrome Hand-Schuller-Christian. Morbo di Letterer Siwe. LCH (langerhans cells histiocytosis) Esistono anche altri termini utilizzati per descrivere condizioni in genere considerate come istiocitosi: sindrome Hasimoto-Pritzker, istiocitosi cutanea pura, granulomatosi di cellule Langerhans, istiocitosi tipo II, reticoloendoteliosi non lipida. Oggi si pensa che l'istiocitosi colpisca circa 200.000 individui negli USA e poche centinaia in paesi come l'Italia. C'è aiuto a disposizione? Si! A.I.R.I onlus aiuta i pazienti e i familiari ad affrontare questa malattia sostenendoli ed offrendo assistenza. Inoltre esiste una rete di Organizzazioni che fanno capo all'Associazione Americana per l'Istiocitosi che aiutano i propri membri nell'affrontare questa malattia. Queste organizzazioni sono composte, in genere, da pazienti, famiglie, medici e ricercatori. Gli scopi di questa rete di associazioni includono: fornire informazioni generali e di tipo professionale, supporto a pazienti e familiari, stimolare e finanziare ricerche. Esistono buone relazioni con i Medici e Ricercatori della Società Internazionale di Istiocitosi. Si considera l'istiocitosi "una malattia orfana", ciò significa che siccome colpisce un numero esiguo di persone non vale la pena di investire in ricerche. grazie alla traduzione Gianpaolo Pasini VR

26 giugno 2007

III░ edizione del concerto per beneficenza. I fondi ricavati durante la serata live del 17 giugno a Viarigi (AT) sono stati devoluti alla congregazione delle Figlie del Sacro Cuore di Ges¨ e di Maria di Viarigi. Le numerose persone che hanno partecipato all'evento sono state di grande generositÓ e, quindi, di aiuto alle suore nel portare avanti le loro iniziative e missione. Un grazie speciale per tutto va al Comune di Viarigi (Sindaco, Giunta ed Impiegati), alla Pro Loco e alla partecipazione dei giovanissimi Speed Dial, Hurricane e della Cerot Band.

01 giugno 2007

Aggiornamento situazione Ester Njoki di Nairobi. Qui a lato l'ultima mail mandata dalla Missione al Sig. Antonio Pascarella nella quale viene descritto lo stato delle operazioni e delle cure che Ester sta facendo. Ricordo a tutti che il Sig. Antonio (di Novara) e il Sig. Riccardo (di Castel d'Annone AT) sono le persone di riferimento con le quali abbiamo i contatti e i rapporti DIRETTI sia con la missione a Embu (Kenya) e sia con Ester.

12 settembre 2006

Proprio oggi è arrivata nella casella postale dei Roccaforte una mail del Sig. Antonio Pascarella, il quale è arrivato dal Kenya pochi giorni fa e come sempre ci aggiorna sulla situazione. La notizia positiva è che i soldi raccolti con l'offerta dei DVD dei concerti di Natale e consegnati il 29 luglio (580 euro) sono già giunti a destinazione ed Ester ha già subito il secondo intervento. Forza Ester, non mollare .. il coro Polifonico di Viarigi-Accorneri-Refrancore e la direttrice Laura Bussa, i Roccaforte ma soprattutto i loro fans sono con te............
...............................................................................................................................................Roccaforte

31 Luglio 2006

Il concerto del 29 luglio 2006 è stato importante per la raccolta di fondi per i bambini della missione che si trova ad Embu in Kenya ma soprattutto perchè abbiamo consegnato il ricavato dei concerti di Natale per Ester Njoki. Sono stati realizzati 75 DVD per un totale di 580 € e serviranno per supportare una parte delle spese per operare Ester alle gambe. Un grazie enorme, come sempre, per la totale partecipazione delle persone, per i BI52 da Biella e gli ANICE' da Savona per aver partecipato al concerto portando un bellissimo rock e un tocco d' Africa, per il coro Polifonico di Accorneri-Viarigi-Refrancore diretto da Laura Bussa. Speriamo di riuscire, un giorno, a sapere o, magari, a vedere Ester camminare con le sue gambe, senza stampelle e se tutto questo accadrà un piccolo contributo e merito è stato anche il VOSTRO.
GRAZIE
...............................................................................................................................................Roccaforte


Martedi 20 dicembre 2005

Inizio col ringraziare Riccardo (di Castel d'Annone) e Antonio Pascarella, le persone di nostro riferimento che si occupano della missione. Con infinità felicità e soddisfazione allego qui a fianco la mail (in formato .pdf) ricevuta ieri dal Notiziario delle Missioni del mese di dicembre nella quale viene spiegato dove sono andati e come sono stati impiegati i soldi ( 510 € ) che tutti VOI avete donato in beneficenza acquistando il nostro CD "Parole mai dette". Che dire? GRAZIE e ricordiamo, come scritto sul file, che per fare in modo che ESTER NJOKI di Nairobi possa un giorno camminare con le sue gambe occorrerà effettuare ancora degli interventi chirurgici. La nostra iniziativa legata al CD continua.
................................................................................................................................................Roccaforte

....Come abbiamo detto, in molte occasioni, è nata un' iniziativa con l'uscita del nostro CD "Parole mai dette" di donare in beneficenza una parte del ricavato. Questo è il nostro primo progetto e speriamo sia l'inizio di una lunga serie....Perchè proprio in Kenya? Per due motivi base: il primo deriva da due esperienze di viaggio in Tanzania nel 2002 e in Kenya nel 2004, viaggi in cui abbiamo toccato con mano le pessime ed impossibili condizioni di vita dove basta donare alcuni quaderni, penne e magliette che butteremmo per rendere felici persone bisognose, il secondo motivo è l'amicizia con Riccardo e altre persone che portano avanti il grande lavoro delle missioni iniziato anni fa da Luciano (per molti questi nomi non dicono nulla ma per chi li conosce personalmente sono e sono stati importantissimi per la nascita di questi progetti). Oggi, fine del mese di settembre 2005 possiamo dire di aver svolto in pochi mesi un buon lavoro riuscendo a raccogliere 510€ e questo grazie a tutti voi che acquistando il nostro CD ci avete permesso di fare cio'. Ma non ci fermiamo qui, questo è un primo passo e chiunque compera "Parole mai dette" sappia che il 20% continuera' ad andare per la missione "gli amici di Luciano". GRAZIEEEEEEEEEE......
Il nostro pezzo "AFRICA" nasce da queste esperienze di viaggi e di vita che ci hanno toccato particolarmente.

..................................................................................................Roccaforte

Lettera di Suor Carmelangela

Locandina di ringraziamento

Tutti noi dovremmo vivere almeno una settimana in certi posti del mondo per poter capire realmente quali sono i veri problemi...!
........................................................................................Roccaforte

     
Torna all'home page